abm

abm

sabato, settembre 24, 2016


COMUNICATO STAMPA

GLI INCANTEVOLI LUOGHI DEL LIFE MAESTRALE

Nell’ambito delle micro azioni partecipate finanziato dal Centro di Servizio Tree Molise si sta realizzando il progetto ”Diversamente ….Natura” organizzato da Ambiente Basso Molise. Nella mattinata di oggi, un numeroso gruppo di rifugiati politici ha partecipato alla manifestazione che ha visto l’interesse di ragazzi provenienti da Montecilfone, Rotello, Portocannone, Guglionesi e Montenero di Bisaccia più un piccolo gruppo di persone audiolesi che hanno potuto partecipare grazie alla fattiva collaborazione della socia Michela Moretti esperta nella lingua dei Segni.
Una giornata all’insegna della Natura accompagnati da un sole primaverile che ha illuminato il cammino dei presenti i quali hanno visitato il bosco Le Fantine di Campomarino.
Le Fantine sono piccole raccolte d’acqua dalla salinità variabile e, nel Molise sono presenti solo a
Campomarino. Sono ambienti umidi estremamente fragili dal punto di vista ecologico e sono delle isole biologiche ricche di biodiversità, molto importanti per l’ecosistema del basso Molise. Qui vivono specie animali e vegetali nelle liste rosse Regionali e Nazionali.
Tutti questi ambienti sono annoverati tra le zone umide inserite nella “Direttiva habitat” dell’Unione Europea (Direttiva 92/43/CEE) come ambienti di interesse comunitario.
Gli ambienti umidi fanno parte di un bosco di antiche formazioni forestali presenti nel passato lungo la costa molisana (bosco Ramitelli). Intorno al bosco sono presenti habitat retrodunali con formazioni di piante tipiche della duna molisana.
Il gruppo si è poi spostato nei laghetti retrodunali che, attualmente sono interessati da lavori di riqualificazione naturalistica. Infatti l’area è interessata proprio dal progetto “Life Maestrale” ed i lavori effettuati, ormai in fase di conclusione, dovrebbero contribuire alla tutela e salvaguardia della biodiversità oltre che della zona umida.  I laghetti retrodunali rappresentano un punto molto importante per i migratori i quali, nelle loro migrazioni spesso si fermano a riposare e rifocillarsi in queste zone umide che sono di importanza vitale. Tra i migratori fotografati ricordiamo il Fenicottero rosa, il Cavaliere d’Italia che nidifica e si riproduce proprio in questa area, le numerose specie di limicoli, il Germano reale, la Spatola, l’Alzavola, la Marzaiola, e tantissime altre specie. Dalla zona umida alle dune costiere il passo è breve infatti i partecipanti hanno acquisito anche nozioni sulla flora e fauna delle dune costiere. Traduttrice di eccezione Chiara Di Vincenzo. Il prossimo appuntamento per gli amanti della Natura sarà sabato 08 ottobre per visitare il bosco del Cuore.
li 24 settembre 16

                                                                                 Il Presidente

                                                                              Luigi Lucchese